Detrazione risparmio energetico

Impianti a norma di legge

Detrazione ristrutturazione edilizia

Detrazione fiscale
Proroga bonus casa 2019 fino al 31 dicembre 2019.
Ecobonus 2019: Tra le proroghe delle detrazioni fiscali per la casa 2019, era ovviamente molto attesa anche quella relativa al cosiddetto ecobonus. Si tratta di una detrazione fiscale a favore di una persona fisica (detrazione IRPEF), oppure di un’azienda commerciale (detrazione IRES). Si applica ai lavori che vadano ad incrementare l’efficienza energetica dell’immobile, sia esso inteso come intero edificio, o singola unità immobiliare.
Le cifre massime stabilite nella legge di bilancio 2019 sono le seguenti:
• 100.000 euro se si tratta di lavori di riqualificazione energetica dell’edificio
• 60.000 euro se si tratta di installazione di impianti fotovoltaici oppure di interventi sull’involucro dell’intero edificio. Caso particolare riguarda gli infissi. Questi possono usufruire dell’ecobonus nel caso in cui la loro installazione vada anche ad aumentare l’isolamento termico dell’edificio. In caso contrario, a parità di efficienza energetica, si potrà comunque usufruire delle detrazioni fiscali per la casa 2019, quindi in misura del 50%
• 30.000 euro per installazione di impianti di climatizzazione, pompe di calore, caldaie a condensazione, impianti di geotermia. L’ecobonus 2019 sarà usufruibile anche in caso di sostituzione di impianti esistenti. In questo caso, come per gli infissi, devono essere più efficienti dal punto di vista energetico per averne diritto.

Ristrutturazioni edilizie 2019: Il Governo ha prorogato il bonus ristrutturazione, che consente la detrazione IRPEF del 50% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 96.000 euro per unità immobiliare. Per poter usufruire del bonus è necessario aver effettuato i lavori tra il 26 giugno 2012 ed il 31 dicembre 2019.

Bonus caldaie 2019:
• Detrazione fiscale del 50%: ha diritto alla detrazione del 50% chi, in seguito a ristrutturazione edilizia, acquista una caldaia a condensazione con un’efficienza media uguale a quella necessaria per appartenere alla classe A di etichettatura energetica dell’apparecchio;
• Detrazione fiscale del 65%: ha diritto alla detrazione fiscale del 65% chi acquista una caldaia a condensazione di classe A o superiore (appartenente ad una delle seguenti classi: V, VI o VIII – Commissione 2014/C 207/02) e i sistemi di termoregolazione evoluta

Guida ristrutturazioni edilizie
Share by: